I ❤ Breakfast – Andersen Bakery

postato in: Living | 3

Come Lidia e Enrico, anche noi amiamo la colazione, non capita spesso di farla fuori perche’ preferiamo gustarla con calma e soprattutto in pigiama, ma ogni tanto riusciamo a reagire e usciamo!! Ovviamente la spinta non e’ cosi’ forte anche perche’ qui non si usa fare colazione al bar come a casina nostra..e soprattutto le brioche non sono quelle di casa, qui piace tanto, ma dico tanto abbondare di burro da costringerti a lavare le mani dopo aver mangiato un semplice cornetto. Ovviamente, col tempo ci siamo abituati anche a questo (anche se sogno ogni tanto di far colazione alla pasticceria Elvis vicino a casa, per la quale potrei anche alzarmi, vestirmi e uscire in meno di due minuti!).

Oggi abbiamo provato una new entry nella via vicino a casa. Ha aperto da poco Andersen Bakery a Frederiksberg e noi ovviamente non potevamo che testare.

Avevo letto tempo fa qualcosa su Andersen Bakery: la puoi trovare a Hiroshima, Tokyo, San Francisco e Copenhagen. Hanno una storia curiosa, nonostante il nome, e’ tutta farina del sacco di un giapponese che aveva un panificio a Hiroshima nel dopo guerra. Dopo un viaggio a Copenhagen negli anni ’60, torna a casa con le ricette della pasticceria Danese (burrrrrrosa) e inizia a produrle nel suo panificio, evidentemente hanno avuto successo perche’  ne apre molti altri. Dopo la morte del fondatore, i figli hanno realizzato il sogno del padre e hanno aperto tre panifici a Copenhagen.

L’influenza giapponese si nota subito nella sobrieta’ del locale, nel maniacale ordine e nella distribuzione dei prodotti, e anche dalla caraffa di te’ (gratuito).

Andersen Bakery offre la possibilita’ di fare colazione a meta’ fra come la intendiamo noi e come la intendono i Danesi: puoi scegliere fra brioche di vario tipo, caffe’ o cappuccino; oppure optare per pane burro e formaggio (tanto cara ai Danesi). Noi siamo rimasti su un classicone, selezione di alcune brioche per testare..smoothie e caffe’. Naturalmente il burro abbondava, ma almeno non c’era quell’abuso di cannella che rende tutte le brioche uguali!

Ci siamo seduti al bancone a chiaccherare e a sfogliare Monocle che ha decretato Copenhagen la terza citta’ in classifica per la migliore qualita’ di vita. Devo dire che siamo rimasti soddisfatti, leggere che siamo nella citta’ giusta aiuta sempre un po’ a chiarire i dubbi sulle scelte fatte e con la pancia piena tutto prende una piega diversa!!

Siamo usciti contenti e con un bel filone di pane nero ai semini da mangiare a pranzo..

3 risposte

  1. Bellloooo!!!
    …e i prezzi?
    dateci anche qualche idea sui costi in questa citta’ dalla migliore qualita’ di vita ;-))))

  2. ciao! grazie per la tua visita e soprattutto piacere di conoscerti!!
    bellissimo giovanissimo blog! XD

    • Grazie, troppo carina! Oggi tra l’altro farò proprio il pane di Jim 😉

Lascia un commento